News

Ultime notizie in materia previdenziale, tributi, agevolazioni, bonus

Ape: attestato di prestazione energetica

L’APE, detto anche comunemente “certificato energetico”, attesta la prestazione e la classe energetica di un immobile e indica gli interventi migliorativi più convenienti. Infatti con esso il cittadino viene a conoscenza:
•    del fabbisogno energetico dell’edificio o dell’unità immobiliare;
•    della qualità energetica del fabbricato;
•    delle emissioni di anidride carbonica e dell’impiego di fonti rinnovabili di energia

Quando è obbligatoria?
L’esistenza dell’APE è obbligatoria in caso di:
1.    edifici nuovi;
2.    demolizione e ricostruzione di edifici e in caso di nuovi volumi climatizzati ad ampliamento di edifici esistenti, per un minimo del 15% del volume iniziale o di 500 metri cubi;
3.    compravendita dell’immobile;
4.    nuovo contratto di locazione;
5.    lavori di ristrutturazione importante.
6.    agevolazioni fiscali per la ristrutturazione o riqualificazione.

L’attestato di prestazione energetica viene rilasciato da un “soggetto certificatore” appositamente accreditato dalla Regione, il quale solitamente è un tecnico abilitato alla progettazione di edifici ed impianti. Il costo richiesto per la redazione può variare da certificatore a certificatore, si può andare dai 40 euro agli oltre 70 euro, e la sua validità è di 10 anni a partire dalla data del suo rilascio.

Tags:
© 2017-2020 Pratiche Previdenziali. All Rights Reserved.