News

Ultime notizie in materia previdenziale, tributi, agevolazioni, bonus

Contributo a fondo perduto Smart Money

Rientrano nella platea di potenziali beneficiari dei contributi a fondo perduto Smart Money le start up innovative che alla data di presentazione della domanda presentano i requisiti che seguono:
• sono classificabili come piccole imprese;
• sono regolarmente costituite da meno di 24 mesi e iscritte nell’apposita sezione speciale del Registro delle imprese;
• sono nelle prime fasi di avviamento dell’attività o nella prima fase di sperimentazione dell’idea d’impresa (pre-seed), oppure sono nella fase di creazione della combinazione product/market fit (seed);
• hanno sede legale e operativa sul territorio nazionale;
• non rientrano tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea;
• hanno restituito agevolazioni godute per le quali è stato disposto dal Ministero dello sviluppo economico un ordine di recupero;
• sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria e non sono sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie;
• non sono oggetto di sanzione interdittiva
• i legali rappresentanti o amministratori non sono stati condannati, con sentenza definitiva o decreto penale di condanna divenuto irrevocabile o sentenza di applicazione della pena su richiesta
• non operano nei settori dell’agricoltura primaria, della pesca e dell’acquacoltura

Anche le persone fisiche che hanno intenzione di costituire una start up innovativa possono richiedere i contributi a fondo perduto a patto che, entro 30 giorni dalla data della comunicazione di ammissione alle agevolazioni, l’impresa si costituisca e si inoltri la domanda di iscrizione nella sezione ordinaria e speciale del Registro delle imprese.

Il piano di sviluppo da presentare deve avere le seguenti caratteristiche:
1. devono essere basati su una soluzione innovativa da introdurre nel mercato, che anche se non definitiva dal punto di vista operativo deve essere già individuata quando si presenta la domanda;
2. ci deve essere un impegno diretto dei soci dell’impresa proponente e/o di un team con capacità tecniche e gestionali adeguate, in termini di apporto tecnologico e lavorativo o, in alternativa, deve essere in programma un consolidamento del team e di tali capacità tramite la ricerca di professionalità reperibili sul mercato;
3. deve prevedere la realizzazione di un prototipo (Minimum Viable Product) o una prima applicazione industriale del prodotto o servizio per attestare i feedback dei clienti e/o investitori.

 

© 2017-2022 Pratiche Previdenziali. All Rights Reserved.